back to top
16.5 C
Tirana
E hënë, 27 Maj, 2024

Realismo socialista (Wikipedia)

Gazeta

Vilson Blloshmi dhe Genc Leka
Vilson Blloshmi dhe Genc Leka

Realismo socialista [Wikipedia]

Nel secondo dopoguerra con la presa di potere da parte del partito comunista e di Enver Hoxha, si sviluppa il realismo socialista: scrittori e intellettuali sono chiamati a indottrinare le masse e la letteratura diventa uno strumento politico e gli oppositori finiscono nelle carceri. Manca il confronto con le altre letterature europee.
Molti altri scrittori furono tacitati dal regime:
Lasgush Poradeci: vissuto a lungo in Romania scrive poesie di natura sentimentale e pubblica due raccolte entrambe censurate e viene dimenticato.
Gaspër Pali: altro poeta obbligato al silenzio. Ha lasciato un libro mai pubblicato.
Lazër Radi: laureato in giurisprudenza a Roma, poeta e traduttore di Platone e di scrittori serbo-croati, ha trascorso 46 anni tra carcere e campi di concentramento.
Petro Marko: autore di Asta la vista, romanzo che tratta il tema dell’amore, ha passato la vita tra casa e prigione.
Viktor Qurku: è sparito senza lasciare traccia.
Visar Zhiti, autore di versi pubblicati sui quotidiani alla fine degli anni settanta, viene condannato a dieci anni per “agitazione” a causa della poesia L’altro solo. Uscito dal carcere nel 1987 dopo la caduta del regime, addetto alla cultura dell’ambasciata albanese a Roma, anche ministro della cultura del’Albania, ha scritto tanti libri di poesie e romanzi.
Fatos Lubonja, arrestato in seguito al ritrovamento di suoi versi contro il regime resta in carcere dai 23 ai 40 anni e pubblica in seguito il Diario di un intellettuale in un gulag albanese, prodotto dell’ esperienza dei lavori forzati, che gli è valso il premio “Moravia” per la letteratura straniera nel 2002.
Dhimitër Xhuvani e Faslli Haliti, finiscono in campi di rieducazione ideologica, mentre Lazër Shantoja, Havzi Nela, Genc Leka, Vilson Blloshmi, Trifon Xhagjika furono fucilati.
Numerosi intellettuali furono costretti all’esilio:
Ernest Koliqi: con l’avvento del comunismo giudicato una spia fascista, scappa a Roma dove insegnerà alla Sapienza fino la morte. Scrive molto e cura traduzioni.
Arshi Pipa: in esilio negli Stati Uniti, pubblica una raccolta di poesie albanesi.
Martin Camaj: in esilio prima in Jugoslavia e poi in Germania, compie ricerche sui dialetti italo-albanesi.
Bilal Xhaferri: anche lui esule e dopo morto negli Stati Uniti.
Gëzim Hajdari: vive nel Lazio e scrive poesie sia in italiano, sia in albanese. Nel 1997 ha vinto il premio “Montale”.

Related Images:

More articles

Ky sajt përdor Akismet-in për të pakësuar numrin e mesazheve të padëshiruara. Mësoni se si përpunohen të dhënat e komentit tuaj.

Portali Radiandradi.com, prej 11 vitesh dhuron kontribute të përditshme në shumë fusha të kulturës, historisë dhe vlerave shqiptare. Herë pas here siti ka nevojë për mirmbajtjeje, rikonstruktim si dhe rikonceptim në formatin letër. Për ta mbajtur këtë punë shumvjeçare, ndër më seriozet dhe më të lexuarat që të vazhdojë aktivitetin bëhet e domosdoshme mbështetja e lexuesve.

Jozef Radi

Redaktor i Radi & Radi

Artikujt e fundit

Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.